Wild Wild Country: tutto su Osho e non è una parodia

La docuserie per chi vuole saperne di più

Wild Wild Country sembra il titolo di un film che racconta di cowboy e assalti alle diligenze. Ma non è così. E’ un viaggio all’interno del mondo di Osho. O per meglio dire Bhagwan Shree Rajneesh, così si faceva chiamare fino agli anni ottanta.

Wild Wild Country è una docuserie in 6 puntate con filmati originali e interviste ai diretti interessati che ci raccontano, dal loro punto di vista, cosa è accaduto nel 1981, quando Osho trasferì la sua comune di Pune, in India, in un ranch nel deserto dell’Oregon.

Più precisamente nella cittadina di Antelope, 40 residenti, che combatterono una lunga battaglia contro i Rajneeshee.

Ora impossibile che non sappiate chi è Osho, perché grazie alla pagina social “Le più belle frasi di Osho”, anche chi non l’aveva mai incrociato ha scoperto che si aggirava per il mondo un uomo in tunica e Rolls Royce. Ne diceva tante, tanto per fare un esempio si spostava dai problemi dell’economia mondiale all’amore come forma di risposta per l’Uomo Nuovo. Come capite nel mezzo ci sta veramente di tutto.

Come le persone che ci accompagnano nel racconto, tra cui spicca Anand Sheela, la segretaria personale di Osho. Donna forte, potente e sfrontata che sarà al fianco del santone per molti anni e che farà prosperare la comune in America.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando qui o su "Accetto" nel banner informativo

Wild Wild Country racconta di come i giovani occidentale nel pieno della propria scalata al successo, scelgono la via di Osho. Non sono dei fanatici, ma così li percepiscono gli abitanti di Antelope, che li additano come fornicatori spudorati. E poi arriva l’Fbi, il presunto attacco biologico, le elezioni, gli intrighi, i complotti. Insomma sembra un film ma non è così. E’ ciò che è accaduto davvero in Oregon.

Se siete curiosi di sapere come si è svolta tutta la storia guardatelo, merita davvero!

Piccola nota a margine: mi sarebbe piaciuto saperne un po’ di più su tutta l’organizzazione economica che reggeva il sistema e la comune dei Rajneeshee. Ma questo è solo un appunto personale dettato dalla mia curiosità

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie. clicca qui per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi