Vorrei essere un supereroe

Sono una grande appassionata di supereroi, soprattutto quelli che incarnano le due facce principali dell’essere umano: la buona e la poco buona.
La sublimazione e l’accettazione del fatto che per condizione umana siamo irrimediabilmente divisi in due e in conflitto perenne.


Nel supereroe mi affascina il senso di giustizia e la necessità di farlo trionfare anche trascendendo le regole. La volontà di aiutare il prossimo ma sfruttando poteri sovrannaturali o privilegi che nuovamente esulano dalle regole della società e dei buoni costumi.

Vorrei essere un supereroe, non solo per avere un costume sfavillante, un mantello, una maschera, vorrei esserlo soprattutto per difendermi.
Ebbene sì, voglio il potere di difendermi. Non mi interessano le invasioni aliene, ci sono invasioni banali e quotidiane che mi spaventano molto di più.

Ognuno di noi ha i propri pipistrelli ma non tutti sono capaci di fare di una paura un punto di forza. È bello poterlo pensare. Qual è la paura che mi rappresenta di più? Sono talmente tante che l’armadio dei costumi rischierebbe di esplodere.

Ma perché vorrei essere un supereroe?

Vorrei essere un supereroe che legge subito la menzogna nelle parole degli altri, o che anticipa le mosse grazie ad un sesto senso ereditato da qualche strana puntura o sostanza luminosa.
Vorrei una voce che cambia e diventa potente, autorevole perfino minacciosa per tenere alla larga chi invade pretendendo che sia un suo diritto.


E poi vorrei prendermi delle piccole libertà innocue, prendermi gioco di chi mi attacca o ancora peggio di chi mi ignora, svelarmi e lasciare tutti di stucco: vi ho fregato io, così non potrete farlo voi.

Ma io non sono così. E siamo in tanti ad affrontare la vita con strumenti umani che non sono sempre sufficienti e soprattutto non si possono potenziare a ogni evenienza.

Quindi, niente maschera, niente mantello, niente costume sfavillante, piuttosto userò i miei strumenti di sempre: il sorriso, l’educazione, l’ascolto, la comprensione e lo farò con tutti, sempre, perché un supereroe è sempre e soprattutto fedele a se stesso.

Però, tra i miei più reconditi desideri, c’è l’immagine di Michael J Fox che nel film “Voglia di vincere” usa il suo potere per farsi rispettare e vorrei poterlo fare anch’io, almeno una volta nella vita.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie. clicca qui per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi