Le tre del mattino: Carofiglio non sbaglia

Un libro da leggere tutto d’un fiato

Le tre del mattino di Gianrico Carofiglio l’ho letto in due giorni. E posso dirvi che ci ho messo anche troppo. Si, perché ho cominciato a farlo su un treno da Venezia a Firenze, poi mi sono persa nel Burian di questi giorni e allora sono andata lunga. Ma se non avessi avuto interruzioni, dovute alla vita quotidiana, lo avrei finito in una notte.

Il libro di cui vi parlo è uno di quelli che avevo scelto come Letture Mensili di febbraio. E ci sono arrivata proprio in extremis con il buon proposito che avevo fatto!

Lo confesso: non sono una pasionaria di Carofiglio, ma lo apprezzo. Mi è capitato tra le mani in libreria attratta dalla copertina. E vorrei proprio partire da questo per parlarne.

Le tre del mattino

Gli indizi erano: un locale jazz, padre e figlio, una via di una città francese.

Ma una volta cominciata la lettura si viene catapultati nella vita intima di una famiglia, come tante, con i suoi casini e silenzi. Con la crescita di un bambino, che ha un problema di salute che spaventa, e di cui è difficile per i genitori pronunciarne anche il nome. Epilessia. E sarà proprio questa parola il motivo per cui padre e figlio si rincontreranno, sul serio. Si parleranno e conosceranno come non avevano mai fatto.

La lettura scorre così bene, la scrittura di Carofiglio è lineare, così chiara che non lascia spazio a fraintendimenti. Non è un libro dove ci si domanda ma vorrà proprio dire questo? Ma sarà così o in quest’altro modo? E svolge in modo impeccabile proprio la funzione di sciogliere i silenzi accumulati nel tempo.

E poi ho apprezzato molto tutti gli aneddoti relativi alla matematica. Dal teorema o “congettura” di Fermat al piccolo Gauss a scuola. Molto carini davvero

Ma perché mi è piaciuto così tanto Le tre del mattino?

La risposta è semplice, perché racconta di tutti noi. Che ci sia capitato o meno, o che un’amica ce lo abbia raccontato, ma impossibile non aver incrociato una storia simile. E proprio per questo senso di vicinanza che l’ho divorato con passione.

In quante famiglie ci sono stati silenzi, congetture sbagliate e come conseguenze distacchi. Mica in tutte eh. La mia ad esempio ha sempre parlato tanto, forse troppo. E avrò avuto di sicuro un rapporto aperto con i miei genitori ma non certo una passeggiata di salute. E chi è che non ha praticato la via del silenzio quando si trovava in difficoltà? Vi sfido a non averlo fatto almeno una volta.

Trovare delle storie che descrivono la realtà a volte è una buona cura per tutto quello che ci circonda. Insomma ci fa sentire meno soli. Quindi fate vi un regalo e leggete Le tre del mattino.

1 Comment

  1. Letizia - MaMaglia

    28 febbraio 2018 at 10:51

    Ho letto alcuni libri di Gianrico Carofiglio e tutti hanno le caratteristiche che dici anche tu, lettura scorrevole, piacevole ma non banale. Credo che leggerò anche questo!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie. clicca qui per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi