Berlingaccio: ecco come si chiama giovedì grasso a Firenze

Breve storia di una tradizione di carnevale

Il Berlingaccio lo si conosce solo a Firenze. Ma non è altro che un modo diverso di chiamare il giovedì grasso. Ovvero l’ultimo giovedì prima della fine del carnevale.

La Garzanti lo definisce proprio così: (region. tosc.) giovedì grasso in Toscana | la maschera rubiconda che lo rappresenta

Etimologia: ← forse deriv. dell’ant. Berlengo ‘tavolo da gioco’.

E proprio a tavola si consuma questa festa.

Fin da piccola ho sempre sentito: “Oggi l’è Berlingaccio, chi non ha ciccia ammazzi il gatto”.

Ora, in questi tempi moderni, dove impera il politically correct, o l’animalismo più sfegatato, potrà sembrarvi una roba un po’ forte. Ma si diceva così, non posso mica censurarlo!

Alla fine è una festa del buon cibo, dei dolci e della carne. Quest’attenzione alla tavola derivava proprio dal fatto che ci sono stati periodi in cui la disponibilità alimentare era ben più limitata di quella di oggi. E i poveri non avevano niente per festeggiare neppure il Berlingaccio.

E visto che alle porte c’era la Quaresima, l’invito di mangiare a crepapelle era una sorta di bagordo prepenitenza.

“È questo il dì che gioia al cuor dispensa, con urli, strida, balli e lauta mensa”

Berlingaccio: la tradizione a tavola

Cosa bisognerebbe allora fare per cena stasera?

Polpette al sugo, almeno la mia nonna faceva così.

Il berlingozzo, un dolce che deriva proprio dalla parola Berlingaccio

Ingredienti: 4 uova, 300 g. di zucchero, 400 g. di farina, 100 g. di burro, una bustina di lievito, un bicchiere di latte, semi di anice, un pizzichino di sale.
Preparazione: Sciogliere il burro nel latte, unire i tuorli delle uova, lo zucchero, la farina e la bustina di lievito, mescolare il tutto molto bene, quindi aggiungere gli albumi montati a neve con il pizzichino di sale. Versare in una teglia per ciambelle ben unta di burro. Mettere in forno e far cuocere per 45 minuti a 180°.

Anche se ormai è surclassato dalla più ben nota e conosciuta schiacciata alla fiorentina

E poi aggiungete quello che vi piace di più, perché se dopo fate un fioretto, per quaranta giorni ne dovrete fare a meno!

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Cliccando su accetta acconsenti all’uso dei cookie. clicca qui per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi