Le giornate grigie mi mettono di buon umore

Sembra strano ma è proprio così

Le giornate grigie sono quello che amo quando non sto molto bene. Il vostro primo pensiero sarà che sto dicendo una cavolata. Vero?

Allora mi spiego meglio.

Non sei al top. Tipo me oggi. E sto passando la mattinata sul divano, con plaid, pc sulle gambe e radio accesa. Non molto diversa dagli altri giorni, a dire il vero, in cui non sono obbligata ad uscire per lavoro.

Però oggi c’è qualcosa in più, un bel mal di testa che sto cercando di farmi passare. E posso assicurarvi che le giornate grigie sono proprio quello che ci vuole. Si, perché il sole non combacerebbe proprio con il mio umore. Si potrebbe dire che il cielo è intonato con il mio stato d’animo.

E proprio mentre sto scrivendo cominciano a cadere le prime gocce di pioggia, non stile bufera, ma quelle fini fini che con pazienza bagnano tutto intorno. Vi fa tristezza? Forse un po’ si, ma perché rifuggire dai momenti di noia e down?

Quando le giornate grigie sono terapeutiche

Credo proprio che le giornate grigie siano una panacea perché possono catalizzare le paranoie. Si concentrano tutte in un giorno. Di qualsiasi tipo siano. Si subiscono, si somatizzano e poi siamo pronti per metabolizzare e andare avanti. Quindi sono proprio fondamentali.

Pensate che noia avere cattivi pensieri quando fuori splende il sole e gli uccellini cinguettano!

Oltretutto, se si ha la possibilità di stare a casa in questi momenti, possono essere delle ore liete per starsene senza far niente. Dormicchiare, leggere, poi ridormicchiare. Aspettando la sera per magari cimentarsi in qualcosa di culinario.

Troppo sciura di casa così? Allora mettete su la vostra musica preferita e ballate, che vi frega se fuori il cielo è nuvoloso.

E allora posso proprio dirvi che le giornate grigie mi mettono di buon umore. Bisogna saper vedere il bicchiere mezzo pieno, sempre!

Please follow and like us:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: